Scenografia per l’evento: ELVIS COSTELLO’S THE JULIET LETTERS

Pin It


Sabato 31 gennaio, ore 21.30
Sala Vanni, Firenze
Letizia Dei, soprano
Quartetto Aphrodite: Luisa Bellitto, I violino; Fanny Ravier, II violino; Camilla Insom, viola; Marilena Cutruzzulà, violoncello
Elementi scenici di Dalila Chessa


Immagine 014 copia
Immagine 024 copia Immagine 020 copia Immagine 004 copiaELVIS COSTELLO’S
THE JULIET LETTERS

Partecipa alla discussione:
The following two tabs change content below.
Dalila Chessa
Dalila Chessa nasce nella campagna della Maremma toscana, dove vive fino all’età di 18 anni. Figlia d’arte, cresce con gli occhi spalancati su un mondo altro dove la creatività è una condizione dell’essere, un istinto naturale, genetico. Si diploma al Liceo Artistico di Grosseto e si trasferisce a Firenze, dove si laurea in Scenografia presso l'Accedemia di Belle Arti. Nel frattempo si avvicina ad un’altra forma d’arte, il canto. Dalila vi si confronta in maniera profonda e viscerale vivendone anche gli aspetti più severi con disciplina arrivando a diplomarsi in canto lirico al Conservatorio di Musica 'Rinaldo Franci' di Siena. Dopo alcune esperienze nel campo della scenografia, inizia a lavorare come decoratrice d’interni e pittrice. Da sempre curiosa e affascinata dal mondo del fare, della manualità artigiana, si è dedicata per molti anni alla ceramica nell’attività di famiglia e da quel retaggio, quelle suggestioni così profondamente incise nel suo essere nasce l’esigenza di dare vita a un laboratorio, un luogo dove esprimere l’essere, dove riuscire a raccontare una storia, la propria. Arts and Craft diventa così un microcosmo quasi fiabesco all’interno del suo appartamento nel centro storico di Firenze.
Pin It

Categories: Uncategorized